! Bisogno di supporto? Scrivi pure, non serve registrarsi!

#1di dario - 4 Jan 2012 12:26:00

dario
Ospite

Prestazione occasionale tra privati senza partita iva

Salve, mi chiamo dario e sono un nuovo utente.
Avrei bisogno di fare più chiarezza riguardo ai rapporti di lavoro occasionali che si svolgono tra privati senza partita iva.
Faccio un esempio: Una persona chiede a me di riparare il suo PC perché guasto ed accetto di svolgere l'intervento. Entrambi siamo senza partita iva.
Le mie domande sono queste:

- è possibile rilasciare un documento che attesta la prestazione svolta?
- Se si, quale e dove posso trovarlo?
- Se si, ci sono dei parametri da rispettare e quali?
- Se si, c'è una ritenuta d'acconto o altri tipi di tasse da gestire?
- Se si, c'è da dichiarare tali prestazioni e come?

Ringrazio della cortese attenzione e spero che qualcun'altro possa trarre vantaggio da eventuali risposte.

Dario

#2di dario - 6 Jan 2012 01:41:49

dario
Ospite

Re: Prestazione occasionale tra privati senza partita iva

Ciao, sono sempre io, dario, quello di prima. 
Ho fatto un bel giro all'interno del forum. Mi sono informato un pò sui fatti leggendo di quà e di là e così ho cercato di ricostruire "il puzzle". Sarei molto grato se qualcuno esperto confermasse ciò che ho riportato sottostantemente.

La prima domanda era:
- è possibile rilasciare un documento che attesta la prestazione svolta?

Risposta:
- Si. Tra privati senza partita iva è possibile rilasciare una ricevuta per prestazione occasionale in cui viene dichiarata la prestazione svolta e la cifra che il collaboratore percepisce per la manodopera prestata al committente. La cifra che viene dichiarata all'interno della ricevuta o quietanza di pagamento deve essere netta, pulita, cioè senza alcun tipo di tassazione. Esempio: se il collaboratore dovrà avere €100 il committente pagherà €100 e tali cifre saranno riportate all'interno della quietanza.
Entrambe le parti(committente e collaboratore) dovranno possedere una copia della ricevuta.



La seconda domanda era:
- Se si, quale e dove posso trovarlo?

Risposta:
- Il modulo della ricevuta si può trovare all'interno di questo sito entrando nella sezione download.
All'interno del pacchetto dobbiamo individuare il file con il nome: Oscon - Ricevuta per prestazione occasionale.xls. Una volta aperto, va modificato eliminando quella parte di testo in cui è citata la ritenuta d'acconto.

#3di webmaster - 7 Jan 2012 03:08:20

webmaster
Passante
Da TORINO
Registrato: 10 Oct 2011
Messaggi: 19
Sito web

Re: Prestazione occasionale tra privati senza partita iva

ma è un post con domande e risposte esatte...
oppure un post con domande e risposte sbagliate ??
non ho capito, me lo rileggo meglio un'altra volta!

Non in linea

#4di Andrea - 11 Jan 2012 11:22:50

Andrea
Ospite

Re: Prestazione occasionale tra privati senza partita iva

Io sono un lavoratore dipendente, devo svolgere una prestazione occasionale per un privato.
Il compenso sarà di circa 1000€. Quindi dovrò rilasciare una ricevuta. Ma questi 1000€ andranno a sommarsi al mio reddito da lavoratore dipendente? Dovrò compilare il 730?

#5di mari8 - 11 Jan 2012 17:21:46

mari8
Ospite

Re: Prestazione occasionale tra privati senza partita iva

è possibile rilasciare un documento che attesta la prestazione svolta?

sì.

Se si, quale e dove posso trovarlo?

una ricevuta (o notula) per prestazione occasionale. la trovi nella sezione download di questo sito.

- Se si, ci sono dei parametri da rispettare e quali?

la ricevuta fa i conti in automatico. tieni conto che devi mettere una marca da bollo da 1,81 euro sugli importi superiori ai 77,47 euro. la trovi dal tabaccaio. tieni conto del limite annuale di 5000 euro lordi, del fatto che le prestazioni debbono essere occasionali e che non puoi fare troppe ricevute allo stesso cliente.

- Se si, c'è una ritenuta d'acconto o altri tipi di tasse da gestire?

tra privati non c'è la ritenuta d'acconto. se non hai altri introiti non c'è nulla da gestire.

#6di Mari8 - 11 Jan 2012 17:22:21

Mari8
Ospite

Re: Prestazione occasionale tra privati senza partita iva

Andrea ha scritto:

Io sono un lavoratore dipendente, devo svolgere una prestazione occasionale per un privato.
Il compenso sarà di circa 1000€. Quindi dovrò rilasciare una ricevuta. Ma questi 1000€ andranno a sommarsi al mio reddito da lavoratore dipendente? Dovrò compilare il 730?

sì, vanno indicati tra gli "altri redditi" in sede di dichiarazione.

#7di Maria - 14 Jan 2012 20:21:44

Maria
Passante
Registrato: 14 Jan 2012
Messaggi: 1

Re: Prestazione occasionale tra privati senza partita iva

Anch'io sono nella stessa situazione di Andrea: lavoratrice dipendente e parallelamente sto iniziando a svolgere attività come free lance da privata a privati.
Dai post che ho letto ho capito che fino a 5.000 euro posso rilasciare una normale ricevuta senza alcuna ritenuta di acconto, ricordandomi di apporre il bollo da 1,81 euro per importi superioria ai 77,47 euro. Ho però una domanda che non ho trovato in nessun post. Quale aliquota esattamente mi sarà applicata a queste entrate quando le dichiarerò nel 730 nella sezione "altri redditi"? Grazie 1000 e buon inizio anno!

Non in linea

#8di geranio - 12 Apr 2012 12:02:03

geranio
Ospite

Re: Prestazione occasionale tra privati senza partita iva

Buongiorno,
premesso che:
- Io ho la possibilità di Sviluppare un "accessiorio per canne da pesca"
- Lavoro già come dipendente di una ditta "Informatica" (credo non ci siano problemi)
- Se va bene ne venderò qualche decina all'anno
- il prezzo del singolo accessorio è inferiore a 77€
- venderò molto probabilmente solo a "Privati" (quindi prestazione occasionale tra privati).

1) Posso emettere il documento di Prestazione occasionale con la dicitura "Sviluppo accessori per la pesca"?

2) Il materiale che compro come privato e che mi serve per creare l'accessorio posso scalarlo nella dichiarazione del 730?

3) Quando devo fare il 730 devo richiedere quanche documentazione ai miei clienti in merito all'accessorio venduto oppure è sufficiente presentare la mia copia dei Documenti di "prestazione Occasionale"?

4) Il fatto che il cliente riceva un oggetto fisico (anche se in realtà io mi faccio pagare per il lavoro svolto) può essere un problema?

Grazie mille!
Davide.

#9di Sebby - 12 Jul 2012 16:37:47

Sebby
Ospite

Re: Prestazione occasionale tra privati senza partita iva

Scusate,
avrei un paio di domanda da farvi.
Persona senza partita iva, lavora con ricevute prestazioni occasionali sempre restando al di sotto dei 5000 euro per l'anno.
- Si deve effettuare la dichiarazione dei redditi? e se si, con modello unico o f24?
- Effettuando un lavoro per persona o ditta che possiede partita iva la ritenuta d'acconto può e deve essere effettuata senza problemi facendola pagare al cliente.
-Ora io chiedo ma se si fa una lavoro con ricevuta per prestazione occasionale ad un privato e quindi quest'ultimo privo di partita iva, la ritenuta d'acconto che fine fa? nel senso ai fini della dichiarazione dei redditi (se si deve fare) il lavoro effettuato senza ritenuta d'acconto non si considera ai fini della dichiarazione dei redditi oppure il lavoratore deve pagare la ritenuta d'acconto e se il lavoratore deve pagare la ritenuta d'acconto a quanto ammonta sull'importo del compenso???
Spero di essere stato chiaro, grazie.

#10di Mass - 8 Aug 2012 23:16:42

Mass
Ospite

Re: Prestazione occasionale tra privati senza partita iva

Salve a tutti,

vorrei chidere se qualcuno di voi si é trovato nella situazione opposta, ossia di dover pagare un privato periodicamente e per somme che superano i 5000 euro.

La condizione é che la somma versata al privato risulti una spesa a livello fiscale e che quindi rientri come una uscita nei conteggi del margine tassabile. Se guadagno 10.000 e pago un privato 6000 voglio pagare le tasse sui 4000 che mi restano e non sui 10000 iniziali.

Ci sono dei limiti legali per i quali IO soggetto giuridico con partita IVA non possa pagare un soggetto privato?

Semplificando: al fisco risulterebbe corretto che IO paghi un soggetto X senza ricevere nessuna fattura a cambio (con o senza iva). Se supero i limiti legali (5000 euro) é solo il soggetto che riceve ad avere problemi con il fisco e la dichiarazione dei redditi o anch' io che lo metto in questa situazione mi posso trovare nei guai?

Grazie a tutti.

#11di gianna - 29 Aug 2012 16:57:44

gianna
Passante
Registrato: 29 Aug 2012
Messaggi: 2

Re: Prestazione occasionale tra privati senza partita iva

Salve a tutti.
Sono nella stessa situazione di Sebby. Dovrei fare corsi di cucina, da tenere in case private, occupate da stranieri in vacanza.
La prestazione è quindi tra privati senza partita IVA.
Non sto a ripetere le domande.
Ho capito che posso fare la ricevuta senza ritenuta d'acconto, ma allora questi introiti non vengono tassati in alcun modo?
Avevo parlato con un commercialista mesi fa che mi diceva che fra privati non c'è possibilità di fare ricevute di nessun genere!!
Grazie per le vostre gentili risposte.
Gio

Non in linea

#12di Saravintage - 6 Oct 2012 10:59:01

Saravintage
Ospite

Re: Prestazione occasionale tra privati senza partita iva

Salve a tutti!
avrei delle domande riguardo le ricevute per le prestazioni occasionali e come mi dovrei comportare una volta emesse.
Ho scaricato il pacchetto oscon dove ho trovato il modulo per le ricevute.
e ho visto che sull'importo totale bisogna calcolare il 20% di trattenute, mentre su altri forum ho letto che non ci sono tali trattenute.
seconda dubbio:devo avere un commercialista dove portare queste ricevute?
queste ricevute devono essere in duplice copia,ovvero devo darne una al "cliente" e una devo darla al commercialista?
entrambe devono avere la marca da bollo oppure solo quella che va al cliente?
io producendo abiti, mi è arrivata la proposta di rifornire dei negozi, però non avendo la p.i, mi è stato detto che era infattibile a meno che non trovassi una via alternativa.
va bene questo tipo di ricevuta?e se si con quanta frequenza può essere emessa al singolo negozio?
grazie mille e scusate le innumerevoli domande ma per me è una cosa totalmente nuova!!!!

#13di mari8 - 6 Oct 2012 13:27:50

mari8
Ospite

Re: Prestazione occasionale tra privati senza partita iva

Saravintage ha scritto:

Salve a tutti!
Ho scaricato il pacchetto oscon dove ho trovato il modulo per le ricevute.
e ho visto che sull'importo totale bisogna calcolare il 20% di trattenute, mentre su altri forum ho letto che non ci sono tali trattenute.

se la prestazione occaionale è tra privati non c'è la ritenuta d'acconto (il modulo è un modulo standard che si riferisce all prestazione più comune, e cioè quella tra privato>azienda). In questo caso puoi semplicemente toglierla laciando l'importo netto. Altrimenti, se il tuo cliente ha partita iva, si applica il 20%.

seconda dubbio:devo avere un commercialista dove portare queste ricevute?

no, ma è bene dar loro una numerazione progressiva. Ricorda inoltre la marca da bollo da 1,81 per importi superiori ai 77,47 euro (si compra in tabaccheria).

queste ricevute devono essere in duplice copia,ovvero devo darne una al "cliente" e una devo darla al commercialista?

l'originale con marca da bollo la devi dare al cliente, tu puoi tenerti una copia (o fotocopia di quella data al cliente, o una semplice copia senza marca da bollo; suggerisco una fotocopia dell'originlae, però).

entrambe devono avere la marca da bollo oppure solo quella che va al cliente?

solo quella che va al cliente e se supera l'importo detto sopra.

io producendo abiti, mi è arrivata la proposta di rifornire dei negozi, però non avendo la p.i, mi è stato detto che era infattibile a meno che non trovassi una via alternativa.
va bene questo tipo di ricevuta?e se si con quanta frequenza può essere emessa al singolo negozio?

se il cliente, come mi pare di capire da quello che scrivi, è una azienda, allora si applica il 20% di ritenuta d'acconto. se la tua fornitura è costante allora si tratta di una attività di impresa e sarebbe necessaria una partita iva. per ogni clienti non puoi lavorare più di 30 giorni all'anno anche non consecutivi. il numero massimo di ricevute per ciascun cliente è valutato in modo variabile da zona a zona, per sicurezza chiedi all'ufficio dell'agenzia delle entrate più vicina a te.

grazie mille e scusate le innumerevoli domande ma per me è una cosa totalmente nuova!!!!

figurati, l'italia è molto burocratica. benvenuta smile

#14di mari8 - 6 Oct 2012 13:32:26

mari8
Ospite

Re: Prestazione occasionale tra privati senza partita iva

gianna ha scritto:

Ho capito che posso fare la ricevuta senza ritenuta d'acconto, ma allora questi introiti non vengono tassati in alcun modo?
Avevo parlato con un commercialista mesi fa che mi diceva che fra privati non c'è possibilità di fare ricevute di nessun genere!!

sostanzialmente sotto i cinquemila euro in prestazione occasionale c'è una sorta di soglia di esenzione (si tratta di cifre annuali sotto la soglia di povertà, non dimentichiamolo). la stessa ritenuta d'acconto, facendo dichiarazione dei redditi (facoltativa sotto i 5000 euro circa, la soglia varia leggermente di anno in anno) può essere richiesta in rimborso, ma non sempre ne vale la pena visti i costi dei commercialisti.

#15di mari8 - 6 Oct 2012 13:37:02

mari8
Ospite

Re: Prestazione occasionale tra privati senza partita iva

Sebby ha scritto:

- Si deve effettuare la dichiarazione dei redditi? e se si, con modello unico o f24?

la dichiarazione dei redditi è facoltativa. Obbligatoria oltre una cifra che si attesta attorno ai 5000 euro ed è variabile di anno in anno (da chiedere, quindi, all'agenzia delle entrate più vicina per sicurezza).

- Effettuando un lavoro per persona o ditta che possiede partita iva la ritenuta d'acconto può e deve essere effettuata senza problemi facendola pagare al cliente.

-Ora io chiedo ma se si fa una lavoro con ricevuta per prestazione occasionale ad un privato e quindi quest'ultimo privo di partita iva, la ritenuta d'acconto che fine fa?

La ritenuta non può essere versata da un privato. In questo caso non si applica e la cifra è netta.

#16di mari8 - 6 Oct 2012 13:41:02

mari8
Ospite

Re: Prestazione occasionale tra privati senza partita iva

Mass ha scritto:

vorrei chidere se qualcuno di voi si é trovato nella situazione opposta, ossia di dover pagare un privato periodicamente e per somme che superano i 5000 euro.

Ciao mass. Il rispetto della normativa in merito alle prestazioni occasionali spetta a colui che emette la ricevuta (che per te azienda ha validità a fini fiscali). Eviterei comunque di effettuare pagamenti consapevolmente fuori dalle norme, poichè non escluderei la possibilità di un coinvolgimento in caso di eventuale contenzioso col fisco. Questo anche considerando la sentenza (su altro argomento ma simile nei fatti), che contro ogni buon senso ha reso copartecipi sia il sostituto di imposta di il prestatore occasionale in assenza di versamento della ritenuta d'acconto da parte del prestatore.

Risposta rapida

Scrivere il messaggio e inviare
Anti spam

Non dimenticare la prima lettera maiuscola!

Piè di pagina

Powered by FluxBB